Vai al contenuto

25 Centesimi Aquila Sabauda Vittorio Emanuele III

25 Centesimi Aquila Sabauda Vittorio Emanuele III

In questo articolo vedremo come è fatta e quanto vale la moneta da 25 Centesimi Aquila Sabauda. Ma soprattutto vedremo perchè una moneta che doveva essere una moneta comunissima è diventata in realtà una moneta Rara, che in alcuni casi ha davvero delle belle quotazioni.

 

Come è Fatta

La moneta da 25 Centesimi Aquila Sabauda è fatta di Nichelio, ha un diametro di 21,50 mm, ha il contorno rigato e pesa 4 grammi.

Nel dritto è presente un’aquila coronata con le ali spiegate e lo scudo sabaudo sul petto. Nel giro è presente la scritta Vittorio Emanuele III Re d’Italia e nella parte più bassa è presente l’anno di coniazione della moneta che potrà essere 1902 o 1903.

Nel rovescio della moneta troviamo in grande il numero 25 e nella parte alta la scritta Centesimi. Sotto il numero 25 troviamo due rami di lauro legati da un fiocco e ancora più sotto la lettera R che indica la Zecca di Roma.

 

 

Quanto Vale?

Passiamo ora al valore di questa moneta, quanto vale la moneta da 25 Centesimi Aquila Sabauda? Come dicevo inizialmente, questa doveva essere una moneta molto comune dato il numero di pezzi coniati ma in realtà ad oggi è classificata come moneta rara. Il motivo è semplice.

Tra il 1902 ed il 1903 furono coniati complessivamente più di 13 milioni di esemplari, un numero davvero molto alto.  Ci si accorse però che questa moneta veniva spesso scambiata per errore con la moneta da 1 Lira Aquila Sabauda perchè una delle facce, cioè quella con l’Aquila Sabauda è praticamente molto ma molto simile. Per ovviare a questo errore nel 1908 le monete da 25 Centesimi Aquila Sabauda cessarono di avere corso legale e la maggior parte degli esemplari furono ritirati.

Una parte delle monete ritirate furono poi utilizzate come moneta italiana circolante in Somalia durante il periodo coloniale.

Detto questo, si può ben immaginare che il numero di esemplari rimasti è ben più basso di quelli emessi e quindi queste monete sono a tutti gli effetti diventate monete rare.

Per quello che riguarda il valore, le monete del 1902 in Fior di Conio possono arrivare a valere fino a 300€. Se la moneta ha circolato ma è in ottime condizioni potrebbe avere comunque buone quotazioni intorno ai 100€. Se la moneta non è perfetta ma comunque è ancora in uno stato di conservazione accettabile, potrebbe valere intorno ai 20€.

Le monete del 1903 hanno delle quotazioni leggermente più basse. Una moneta in Fior di Conio può valere fino a 200€. Una moneta che ha circolato ma è in ottime condizioni può valere intorno ai 70€. Le monete che hanno circolato un pò di più ma che meritano ancora di entrare in una collezione sono quotate intorno ai 15€.